Gi.Bi.

Archivio dell'autore

Chiosco Gelateria “La Siberiana” – Ultimo atto

………………………………………..

Era l’aprile di due anni fa, precisamente la primavera del 2018, quando veniva smantellato il chiosco gelateria “La Siberiana”.

Una sentenza del Cosiglio di Stato aveva pronunciato: “lì non si può stare”. Il sottomura di Viale IV Novembre è un’area protetta. Dopo quasi quant’anni ci si accorge che quel sottomura è tutelato dalle Belle Arti per i vincoli  paesaggistici e architettonici

………………………………………………….

vedi post del 12.12.2017 – clicca su:

https://gibiferrara.wordpress.com/2017/12/12/unaltra-luce-si-spegne-nel-giardino-la-siberiana/

………………………………………………..

Ecco alcuni articoli di cronaca

Ecco dopo la demolizione del chiosco la siepe che sembrava essere divenuta parte dell’arredo urbano

 

Siepe incolta divenuta, al suo interno facile, luogo di spaccio, discarica e w. c.

Dopo due anni ecco l’ultimo atto. Dopo segnalazioni e proteste da parte dei residenti  ecco appaire una ruspa

La siepe che da sul lato del Viale IV Novembre era divenuta un facile  rifugio per chi voleva nascondersi, vista la sua larghezza quasi come un garage o tunnel lavaggio macchine

In mezzo alla siepe, una parte di rifiuti che sono stati trovati

Ora la parola fine per questa gelateria. Un pezzo di “storia” che se ne va. Tutti si ricorderanno di questo chiosco e dei suoi titolari, perchè sicuramente almeno una volta, come da loro dichiarato, i ferraresi  sono transitati da qui.

Al Supermercato

Negozi chiusi nella galleria


Sedersi a distanza


E rigorosamente in fila per la spesa 

Più che disposizioni, alcune norme di buon senso…

Foto T. Da

Buona Pasqua a tutti

Festa d’amore
T. Lovera

Pasqua è la dolce festa d’amore:
Pasqua ritorna col tiepido sole.
Cantano lieti in coro gli uccellini:
sbocciano i fiori, olezzano i giardini.
Squillan nell’aria azzurra le campane;
s’odono le vicine e le lontane
che annunciano la gloria del Signore
e dicono: Sia pace in ogni cuore.

Sarà l’assenza di transito di auto, bici e pedoni per via del virus Covid 19, per cui forse ci si sente quasi autorizzati di buttare  quello che si vuole al di fuori dei contenitori, contando di non essere visti…

anche in Centro…

Ed ecco apparire i primi avvisi di “ospiti” indesiderati…

Foto T. Da

Cappella Revedin

La cappella Revedin, prospicente alla via Bologna, era un edificio privato, fatta erigere fra il 1808 ed il 1811 dai marchesi Revedin che li accanto avevano la villa e poco distante i loro possedimenti terrieri.
Nel 1952 la cappella fu chiusa per via della costruzione della vicina chiesa della Sacra famiglia.
Acquistata dal Comune di Ferrara nel 1976, danneggiata nel 2012 dal sisma ora si attende che inizino i lavori per il restauro dello stabile.

Fonte: Ferraranascosta

Foto T. Da

Perdurano i divieti tra cui quello di non uscire da casa.

Sembra che molti rispettano questo divieto.

Basta guardare le vie deserte…

 

 

 

 

 

Ed anche i parchi dove vi sono giochi per bambini sono vuoti…

Manca la quotidianità… le voci dei bambini, il pallone che arriva in strada, i cani che abbaiano nel verde pubblico…

Una cosa il Covid 19 non è riuscito a fermare: l’inciviltà…

Isola ecologica cittadina

 

 

Pompa per gonfiare bici

 

   Vasi da fiori di pietra con secchi di calcinacci e piastrelle

 

   Sacchi vari

Quale virus deve arrivare perchè le persone diventino più educate?

Contributo fotografico T. Da

 

 

 

 

 

 

Cosa accade causa Covid 19

Tutti in casa…

Vie con poco traffico…

Gallerie commerciali vuote

Code per la spesa alimentare.

 

Foto T. Da