Gi.Bi.

Archive for the ‘Arte e cultura’ Category

Bici acrobatica

acrobazie

———————————————————————————

Bici con sella tonda

Mini - sella

——————————————————————————-

Bici previdente

bici preoccupata

———————————————————————————

Bici inserzionista

vendesi bici

——————————————————————————–

Bici segnaletica direzionale

Pubblicità

——————————————————————————-

Bici con parcheggio riservato

parcheggio personale1

——————————————————————————–

Bici in difficoltà

bici in stato comatoso

—————————————————————

Bici pennichella

Bici sott'erba

——————————————————————————–

Bici O.L.M. (Organismo Leggermente Modificato)

O.G.M. o E.T.G

——————————————————————————–

Bici poetica “ei fu…”

FURTI

—————————————————————————————————————-

Annunci

Centro Storico  e in altre Vie del Centro

Se la poesia è arte e l’arte serve per comunicare, ecco allora come segnalare il mutamento avvenuto nella poetica di Stendiversomio, alias Ma Rea. La sua nuova campagna “dalla poesia di strada a quella errante”, non lascia di certo indifferenti. Dopo i versi stesi come biancheria in Via Cassoli

Arte in Cassoli

Foto da La Nuova Ferrara

ecco ora il biglietto da visita a ricoprire interamente bidoni dei rifiuti in Centro Storico

arte 2

 

Della serie: forse non tutti capiscono l’arte…

arte poetica

 

il poeta - Copia

 

il poeta 2

 

il poeta

In collaborazione con T. Da – News

Il Palazzo dei Diamanti

Il Palazzo dei Diamanti è uno dei monumenti più celebri di Ferrara e del Rinascimento italiano, situato in Corso Ercole I d’Este 21, nel Quadrivio degli Angeli, proprio al centro dell’Addizione Erculea.

La struttura interna si sviluppa su tre ali, con una pianta ad U originariamente simmetrica, ma alterata dai rifacimenti successivi. Il palazzo è oggi sede di musei: ospita al piano nobile la Pinacoteca Nazionale e al piano terra lo Spazio espositivo, in cui si tengono le rinomate mostre del Palazzo dei Diamanti organizzate da Ferrara Arte.

Palazzo Diamanti

All’esterno di possono ammirare mostre estemporanee di biciclette organizzate dai cittadini, che nonostante abbiamo bici munite di cavalletti, preferiscono appoggiarle sul bugnato esterno a forma di punte di diamante, che danno il nome al palazzo.

Mostra di biciclette 2

Mostra di biciclette

 

I circa 8.500 blocchi di marmo bianco venato di rosa creano pregevoli effetti prospettici grazie al diverso orientamento delle punte, orientate diversamente a seconda della collocazione in modo da catturare al meglio la luce (ora verso terra, ora centralmente e verso l’alto nel risalire dalla parte inferiore del monumento).

Le biciclette appoggiate ad uno dei simboli della città, catturano e confermano, la scarsa propensione dei cittadini al rispetto ed alla conservazione di opere monumentali di inestimabile valore lasciateci dagli Estensi.

Timori in Piazza Castello oggi pomeriggio…

In Centro sono state esposte 15 opere “d’arte moderna”…

Arriva un operatore ecologico con il proprio mezzo. Parcheggia nei pressi di una di queste opere. Qualcuno avrà pensato: ma che fa? Non scambierà  l’opera d’arte per un rifiuto solido urbano?

Perplessità

Tranquilli. Si dirige sicuro verso un contenitore dei rifiuti sistemato nelle vicinanze. Sostituisce il sacco nero e se ne va. E’ andata bene…

E' andata bene

 

Occhi elettronici

Quante volte si sente parlare di installare delle telecamere per debellare vandalismo e comportamenti illeciti.

Occhi elettronici per controllare aree critiche del territorio, per monitorare i movimenti e fornire un supporto al mantenimento dell’ordine pubblico e combattere il degrado cittadino.

I dispositivi sono muniti di una scheda sim che consente la trasmissione dei dati con collegamento remoto al comando della Polizia Municipale. Hanno inoltre la caratteristica di essere mobili, dunque spostabili sul territorio in base alle esigenze di controllo.

Notiamo con vivo stupore che occhi elettronici sono stati già predisposti in alcuni punti  del territorio.

Qui siamo in Porta Reno, davanti alla chiesa di San Paolo. Il terremoto del maggio 2012 aveva danneggiato i pinnacoli in alto, situati sulla facciata del tempio.

pinnacolo-san-paolo

Dopo le scosse godevano di un equilibrio precario quindi è stato deciso, per evitare danni irreparabili e tutelare il camminamento dei passanti il loro “trasferimento” a terra.

Ecco allora l’installazione di occhi elettronici a controllare atti vandalici sul patrimonio artistico pubblico e a controllare a quando la loro riposizione originaria…

Occhi elettronici

Ecco allora una bella cartolina da inviare ad un amico…

Foto pinnacoli

In collaborazione con T. Da – News

E’ vero che in caso d’incendio i Vigili del Fuoco devono intervenire prontamente e altrettanto velocemente individuare dove sono sistemate le bocchette dell’impianto dell’acqua. Ma l’avviso dell’attacco dell’autopompa proprio lì doveva essere posto? Forse è solamente provvisorio in attesa di una targhetta più modesta… Si spera

Casa Ariosto attacco vvf

La Cattedrale di Ferrara

I due grifi e i due leoni stilofori ora posizionati sul sagrato della Cattedrale a che servono?”

Cattedrale di Ferrara

La cattedrale di Ferrara eretta a partire dal 1135, del periodo romanico conserva il lato destro e la parte bassa della facciata. Alla metà del XIII secolo risale la parte alta della facciata, al rinascimento l’abside ed il campanile, al XVIII secolo tutta la struttura intermedia che nulla mantiene dell’originale.

Architetto e scultore fu il grande Nicholaus, al quale si deve l’ideazione dell’intero Duomo.

I grifoni ed i leoni stilofori posti sul sagrato della chiesa che si vedono nella foto furono ivi eretti per consentire alle future generazioni di salirvi sopra o per appoggiarvi contro le biciclette…

Il leone e il ragazzo

Al grido di “vai Chicco vai, sali sopra che ti faccio una foto” ecco immortalato il passato e il presente, ovvero l’arte del passato e la cultura del presente…