Gi.Bi.

Archive for the ‘Stadio P. Mazza’ Category

Il Quartiere Giardino sorge all’interno della cerchia muraria cittadina ed è delimitato da via Darsena a sud, corso Isonzo ad est, viale Cavour a nord e via San Giacomo ad ovest. Comprende strade importanti come corso Piave, corso Vittorio Veneto, via Cassoli e via Poledrelli.

Quartiere Giardino

………………………………

All’interno di questi vie si trova lo stadio comunale Paolo Mazza.

In P.zza XXIV Maggio domina l’Acquedotto.

Ovunque antichi simboli dei miti greci nell’architettura rinascimentale, nelle statue e nelle piante, con alberi che hanno un significato allegorico legato alla leggenda di Fetonte. Praticamente ferraresi e turisti ammirano il fiume Po, che a 300 m è proprio visibile nel ramo del Po di Volano sulla Darsena estense.

Il Quartiere Giardino, denominato così, per vie dei viali alberati, del verde pubblico con i suoi parchi incantati che hanno ridisegnato, negli anni recenti, l’ex Fortezza Pontificia e Piazza delle Armi.

Corso Piave

Il Quartiere con i suoi giardini è una delle zone più belle e più verdi di Ferrara.

 

P.le G. Bruno

Durante gli incontri casalinghi della Spal, per motivi di ordine pubblico, vengono adottate delle misure di sicurezza. Si è ricorso all’installazione di Betafence che non vengono mai rimossi. Anche le transenne vengono “dimenticate” ai bordi delle vie. Solo dopo denunce e rimostranze dei residenti vengono rimosse.

Via Fortezza – Angolo Via P. V

Ma non si dovrebbe, a termine di ogni singola manifestazione, rimuovere il tutto con il ricovero in un luogo sicuro? In Centro Storico e non solo, dopo il termine di un evento si provvede a liberare il suolo pubblico, perché non lo si fa anche nel Quartiere Giardino?

E’ divenuto un Quartiere usa e getta?

Guarda il video

 

Annunci

Incrocio Corso Piave e Via Montegrappa

……………………………………………..

Può un Betafence non essere allineato perfettamente a livello dell’ asfalto stradale?

Certamente che no. Ma se siamo in presenza di un marciapiede e il Betafence deve essere posizionato a partire da questo, di norma dagli 8 ai 10 centimetri superiore al manto stradale che si fa?

Si alza di almeno 10 centimetri il manto stradale creando un dosso artificiale.

Betafence, in questione, in fase di “montaggio”…

Considerando il loro peso e materiale probabilmente non idoneo, ecco le conseguenze…

 

 

Sarà anche un “Gioiellino di Stadio” ma le vie attorno un po’ meno…

Stadio P. Mazza

…………………………………

Una ristrutturazione fatta per bruciare i tempi.

Una canalina lasciata aperta. Da quando hanno finito in fretta e furia i lavori, non si è provveduto a chiuderla.

La pioggia prima o poi la riempirà.

Foto e segnalazione di Sandro

Viale IV Novembre incrocio Corso Piave

………………………………………………..

Nei giorni scorsi si è tagliato l’ennesimo albero per… sicurezza!

Era malato? Era causa di scarsa visibilità per le auto in transito? Un incidente stradale l’aveva danneggiato?

No, niente di tutto questo…

Ecco il motivo…

E’ per dare più visibilità di registrazione ad una delle tante telecamere di video-sorveglianza montate per controllare l’afflusso e il deflusso dei tifosi nei pressi dello stadio. Si intravede l’impianto sportivo sullo sfondo.

Oramai si è perso il conto degli alberi tagliati attorno allo stadio o nelle sue immediate vicinanze.

Speriamo che il “sacrificio” di queste piante, messe a dimora e cresciute nel posto sbagliato, (non hanno certo scelto loro dove “nascere”), possa servire a scoraggiare certi pseudo tifosi a creare disordini e violenza nel quartiere.

…………………………….

Si ringrazia Claudio per avere inviato le foto degli operai al momento del taglio.

 

 

 

Un nuovo look attorno allo Stadio P. Mazza – Quartiere Giardino

……………………………………………………………………………….

Corso Piave angolo Via Ortigara.

Un “Gioiellino di Chiosco” Un container-box per bibite e panini. Da notare anche dove sono le strisce pedonali.

E non è il solo…

Un altro in Via Fortezza angolo con Castel Tedaldo. Anche questo dovrebbe o potrebbe essere un container box per vendita bibite e panini. Questa posizione impedisce una corretta visibilità di manovra per le auto in transito.

Sono box provvisori? Vista la cementata su cui posano, sembrerebbe di no.

Ma in questo quartiere oramai non ci si stupisce più di niente, al peggio non c’è mai fine!

Dopo il restringimento delle Vie attorno allo Stadio, quali: Via Montegrappa, Via Cassoli e Corso Piave causa Defender, si sentiva la mancanza di questi manufatti, assomiglianti più a dei prefabbricati che a dei chioschi…

E’ per questo che ai residenti del Quartiere Giardino sono state aumentate le rendite catastali delle abitazioni con la seguente motivazione: “numerosi e significativi sono stati gli interventi pubblici recentemente effettuati per la riqualificazione della viabilità interna e dell’arredo urbano”.

 

Ristrutturazione stadio P. Mazza

…………………………………………………..

Si può capire che i tempi siano ristretti, che si lavori giorno e notte per completare il “Gioiellino di Stadio” per il 15 Settembre ma questo non deve essere una scusa per rovinare l’altro preesistente “gioiellino”, ovvero “il verde pubblico del Quartiere Giardino”.

Nonostante alle imprese sia stato concesso ad uso e in questo caso anche “consumo” il tratto di Via Cassoli che va dall’intersezione di Corso Vittorio Veneto sono a Via Ortigara,

per ricovero attrezzatura, materiale ed automezzi, molti di questi ultimi parcheggiano o rimangono per ore in sosta sul verde pubblico di Via Fortezza e Via Montegrappa

 

Se è stata appositamente chiusa una via per facilitare la sosta degli automezzi delle imprese impegnate per la ristrutturazione dell’impianto sportivo, non si capisce perché devono sostare in altri luoghi. Si poteva chiudere al limite un’altra via, tanto nel Quartiere Giardino sono abituati…, affinché tutti i mezzi trovassero ricovero al di fuori del verde pubblico.

E’ brutto e avvilente vedere che ci sono molte persone che distruggono e poche che cercano di riqualificare un quartiere che, come verde (e vie) era uno dei più belli della città.

Chi controlla questi lavori? Se esistono ancora dei Vigili Urbani che come dice la parola dovrebbero girare per “vigilare” che tutto si svolga nella più assoluta regolarità, perché non lo fanno?

Fuori dallo Stadio e quindi nelle vie adiacenti al Mazza quali: Cassoli, Montegrappa e Fortezza la Polizia Municipale può e deve controllare ed eventualmente fare spostare auto e furgoni parcheggiati fuori dagli spazi consentiti. Altrimenti passa il messaggio che in questo quartiere ognuno fa quello che vuole avvalendosi della solite scusanti: la fretta di finire i lavori, tanto l’erba ricresce, per dei cordoli avvallati qual è il problema? E via di questo passo.

Si spera che a fine lavori venga presa in considerazione la sistemazione di quanto distrutto in questi anni per la buona riuscita del “Gioiellino di Stadio”.

Via Montegrappa com’era…

E come è oggi…

Forse è normale avere qualche perplessità che tutto ritorni come era prima…

 

Avanti tutta

Locuzione marinaresca, che significa letteralmente “viaggiare dando ai motori del natante la potenza massima, per andare il più veloce possibile”. Si adopera per chiedere a chi ci ascolta di impegnarsi al massimo e nel minor tempo possibile.

I lavori di ristrutturazione e quindi ampliamento dello Stadio P. Mazza proseguono con turni anche notturni per terminare entro metà settembre, quindi a pieno regime

Per permettere questi lavori si chiudono le vie attorno allo stadio

si spostano macchinari pesanti ed ingombranti senza scrupolo

e si vedono i risultati…

Via Montegrappa è la via più trafficata per lo spostamento di questi mezzi

Ma utilizzare per lo spostamento il vicino Viale Vittorio Veneto, molto più largo e spazioso di Via Montegrappa?

Ah.. è vero,  si perderebbe un po’ di tempo in più..

Ci sovviene un dubbio? Ma c’è qualcuno che controlla questi lavori di giorno e di notte?

Oltre ai rumori?