Gi.Bi.

Posts Tagged ‘cani

Ma un’ordinanza non vietava di lasciare liberi i cani in determinate zone o aree pubbliche? Non dovrebbero essere tenuti a guinzaglio?

Invece aumentano i cani liberi in Centro Storico

————————————

Via Garibaldi – Galleria Cortevecchia

Piazza Repubblica – Verde attorno alla fontana

Ma è normale tutto questo?

Annunci

AREA SGAMBAMENTO… FIORI

Parco Sigurtà - Verona

Il Parco giardino Sigurtà è un parco naturalistico di 60 ettari situato a Valeggio sul Mincio, in provincia di Verona, a 8 km da Peschiera del Garda. Foto e info dal Web

——————————————————————————–

AREA SGAMBAMENTO… CANI

Area sgamba cani N. Sauro

Area sgambamento cani nel Parchetto di Via N. Sauro – Foto T. Da – News

—————————————————————————–

AREA SGAMBAMENTO… TIFOSI

Defender su Montegrappa-Cassoli

Recinzione (defender) attorno allo Stadio P. Mazza (sull’incrocio Montegrappa-Cassoli) per il pre-filtraggio e controllo, per motivi di sicurezza, dei tifosi – Foto T. Da – News

Da un articolo di stampa:

LANCIANO: TOLLERANZA ZERO SULLE CACCHE DEI CANI. Multe fino a 600 euro per chi non raccoglie i bisognini degli amici a 4 zampe

Certe volte la politica locale riesce davvero a strappare un sorriso. Stavolta, a Lanciano, sindaco e vicesindaco si sono sperticati in una serie di autoelogi dovuti… alle cacche dei cani. Andiamo con ordine e partiamo dal vicesindaco Pino Valente: “L’avevamo detto, l’abbiamo fatto (dice Valente citando il suo famoso motto elettorale “Lo dico lo faccio”, ndr): oggi le prime due multe ai proprietari di cani che non hanno raccolto i bisogni del proprio animale… i controlli effettuati dai vigili in borghese continueranno su tutto il territorio cittadino… proprietario avvisato mezzo salvato!”. Insomma, tolleranza zero sui bisogni dei nostri amici a quattro zampe…/…

E qui da noi che cosa succede? Multe? Il regolamento comunale lo prevede, ma che vengono sanzionate dubitiamo fortemente.  Deiezioni canine le troviamo un po’ ovunque, sui marciapiedi

Deiezione 2

nel verde pubblico

Deiezione 1

ed anche davanti alle abitazione, tanto che… poi appiano questi avvisi (Via Martinelli):

Avviso per il cane

Ma come sono tenute le “toilette per cani”: eccone due nelle vicinanze:

Via Podgora con tanto di albero in cemento per facilitare l’espletamento del bisognino

Toilette cani 1

e quella di Via Fortezza

Toilette Via Fortezza

Sono abbandonate a se stessi da almeno vent’anni e probabilmente l’attuale amministrazione comunale non sa della loro esistenza, visto che non si esegue una normale manutenzione.

Certo che con tutti i problemi di manutenzione che si ritrova oggi un’ amministrazione comunale, questa non sarebbe tra le più urgenti. Sarebbe più semplice ed auspicabile, un comportamento civile, come scritto nell’avviso da parte del padrone del cane o del suo accompagnatore. Il cambiare strada servirebbe solo da palliativo e sporcare altrove!

Camminando nel verde pubblico capita di calpestare “qualcosa” tipo: una deiezione canina. Il pensiero o la mente corre al marchio di qualità ETG: Emozioni Tipiche Garantite”.  Il calpestatore prova lo Stupore tipico garantito, il Sorriso tipico, il Piacere tipico, la Serenità tipica o l’Entusiasmo, anche questo, naturalmente garantito.

In alcune città, nelle aree verdi, appare questo cartello-avviso

Segnaletica deiezioni cani - Copia

Perché non riproporlo anche nel nostro verde pubblico. Forse servirà a poco, ma potrebbe far ricordare ai proprietari o semplici accompagnatori di cani, quelli che fingono di non sapere o di aver dimenticato, che oltre a pretendere dei diritti, a volte ci sono anche dei doveri…

Può succedere anche questo per generare confusione, come al solito.

In seguito al deprecabile ed irresponsabile gesto di disseminare bocconi avvelenati nel verde di V.le IV Novembre sono stati installati, nei giorni scorsi, ora tolti, degli avvisi dove si avvertivano i proprietari di cani di mettere la museruola ai propri animali.

Ma se esistono, da anni, numerosi cartelli, di diversa forma,  dove se ne vieta l’introduzione, si autorizza l’ingresso proprio in quel frangente?

Giusto avvisare le famiglie che portano i bimbi a giocare nel parco pubblico e che avrebbero potuto subire danni per le eventuali sostanze tossiche, ma quel “E’ opportuno che i cani siano provvisti di museruola” è fuori luogo e non ha fatto che aumentare la diatriba, tra i frequentatori di questo verde quale: vedete, che i  cani possono entrare?

Se invece la logica era quella di tutelare queste incolpevoli bestiole dalla testardaggine dei loro proprietari, irrispettosi del divieto, che scambiano questo parco, per una normale area di sgambamento, allora bene ha fatto il Comune ad apporre questo avviso.