Gi.Bi.

Posts Tagged ‘Quartiere Gad

 

Feste Natalizie

In certe città oltre ad illuminare il Centro si illuminano anche i Quartieri. Alberi di Natale in ogni rione e piazza, archi nelle vie delle periferie.

Nella nostra città è consolidato da anni l’installazione di luminarie solo nelle vie del Centro Storico e il classico albero di Natale in Piazza Cattedrale.

E pensare che potremmo sfruttare un’opportunità che altre città non hanno, ovvero i ciclisti.

Perché non fornire a detti ciclisti una bicicletta con l’installazione di alberelli natalizi colorati alimentati con la dinamo. Mentre questi percorrono le ciclabili, gli incroci e le vie tanti alberelli si accenderebbero risolvendo due problemi nello stesso momento:

a) rendere visibili e quindi meno pericolosi questi ciclisti che viaggiano senza alcuna luce di posizione accesa;

b) illuminare almeno per le Feste Natalizie il Quartiere.

Nel Quartiere Gad si potrebbe attuare questa sperimentazione, di materiale ciclabile ce n’è in abbondanza. Di quali ciclisti stiamo parlando? Eccoli…

fotomontaggio - 1

Via Cassoli

fotomontaggio 2 -

Giardini Usl – P.le G. Bruno

fotomontaggio 3

V.le IV Novembre – Cassoli

Annunci

RACCOLTA DI FIRME PER SENSIBILIZZARE L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI FERRARA, SULLA SITUAZIONE RIGUARDANTE   L’ILLUMINAZIONE   PUBBLICA   CARENTE   DELLA   CICLABILE   DI   VIALE   IV NOVEMBRE  –  FERRARA

Da anni assistiamo all’aumentare del degrado nel Quartiere Gad. Le motivazioni sono molteplici e di diversa natura. Noi però vorremmo  sottoporre all’attenzione della nostra Amministrazione Comunale un problema, un disagio e non la totalità generica degli stessi: degrado, insicurezza e criminalità. Questo, che andiamo ad illustrare, potrebbe essere anche una concausa del deteminarsi di questi fenomeni.

Vogliamo mettere alla prova i nostri governanti locali di fronte alla richiesta di risolvere o alleviare un solo disagio: la scarsa visibilità della pista ciclabile di Viale IV Novembre.

Per questo motivo, è iniziata da ieri, la raccolta firme per rendere più sicura la pista ciclabile di V.le IV Novembre.

Costruita sul finire degli anni ’90 la ciclabile non è altro che il controviale, già preesistente dove si sono installati una trentina di paletti c.ca, per vietare il transito delle auto e delimitare i passi carrai dei residenti.

Chissà se l’allora Sindaco, al pari di un mago al termine del suo spettacolo abbia esclamato: et voilà, il gioco è fatto! Un chilometro in più di pista ciclabile in città. E forse: “avvaliamoci dei fondi messi a disposizione dalla Comunità Europea per la costruzione di piste per soli ciclisti!”

Questa ciclabile non è mai stata dotata di un impianto di illuminazione propria. Quella poca luce di cui gode attualmente proviene dalla parte opposta del viale, da obsoleti  lampioni simili a giraffe denutrite per via della loro altezza, parzialmente coperti da foglie e rami.

A qualcuno verrebbe da chiedersi: ma solo ora i residenti e gli utilizzatori di questa pista ciclabile si sono accorti del buio che regna? Solo dopo quasi quindici anni dalla sua costruzione?

Sì, perché sono aumentati i residenti. Per evitare di pagare l’ IMU, ci sono ciclisti che hanno pensato bene di scegliere questa ciclabile come residenza abitativa della loro attività lavorativa.

Il buio è sovrano. E’ difficile intravedere l’arrivo delle biciclette, se non all’ultimo istante. Naturalmente è pericolosa anche, data la scarsa visibilità, per il procedere delle biciclette stesse.

Le frenate, per evitare lo scontro, sono sempre più frequenti. Tra l’altro questi mezzi sono, quasi tutti, privi dei regolamentari dispositivi di segnalazione luminosa.

I residenti nell’entrare ed uscire dai propri passi carrai hanno il timore di investire, prima o poi, un ciclista.

Questa sensazione è dovuta dal fatto che, a causa del dissesto della pavimentazione della ciclabile stessa, vi sono ciclisti che transitano sul marciapiede, alcuni  a fortissima velocità.

Inoltre, questi ciclisti, creano apprensione e pericolo, anche alle persone che escono dai cancelletti delle loro abitazioni e ai pedoni che vi camminano sopra.

Proviamoci tutti insieme. Questa iniziativa, apolitica, servirà per contattare più residenti possibili e vedere se oltre a lamentarci siamo in grado di promuovere iniziative concrete.

In poche parole ci conteremo e vedremo in quanti siamo per cercare di riprenderci il nostro Quartiere, la nostra tranquillità  e serenità del vivere quotidiano.

Iniziamo da qui.

A sinistra Viale IV Novembre, intersezione con Via Fortezza, a destra la pista ciclabile al buio.

Ciclabile IV Novembre

Foto: La Nuova Ferrara