Gi.Bi.

Posts Tagged ‘Spal

Corso Vittorio Veneto

Un albero secco da settimane…. Che cosa si aspetta a togliere un albero morto? Pensiamo che non ci sia bisogno da fare la seguente considerazione: è stagione per tagliare o no?

Tra l’altro un viale dopo vi sono sempre auto in sosta.

Scommettiamo che entro il 15 settembre, probabile incontro casalingo della Spal, essendo quel viale, parcheggio per i tifosi ospiti, l’albero verrà eliminato..

Foto T. Da

Annunci

Corso Piave

Iniziata la campagna abbonamenti

Ecco la coda… Fronte Stadio in attesa apertura…

Davanti al cancello d’ingresso

Tutti in coda…

Foto T. Da

 

Campionato Nazionale Serie B – Stadio Mazza

Grandi e imponenti le misure di sicurezza per le partite interne dello Stadio Ferrarese. Una di queste misure è lo spostamento in mattinata di tutti i cassonetti dalle vie attorno all’impianto sportivo per poi riposizionarli in serata

cassonetti-foto-a

Via Mulinetto – Area “raccolta” cassonetti

Ecco allora, prima dello svolgimento della partita, che cosa si crea agli angoli delle vie, prive di cassonetti…

angolo-cassoli-ortigara

angolo-ortifara-cassoli

angolo-piave-n-sauro

Foto inviateci da una residente

 

 

Corso Martiri

Una lunga fila davanti ad una tabaccheria. Regalano gratta e vinci? No…

Spal - Tifosi

No. Tifosi della Spal che sabato prossimo 23 Aprile 2016 vogliono festeggiare il ritorno della loro squadra del cuore in SERIE B…

Foto T. Da – News

 

Un regalo della nostra Amministrazione Comunale. Cosa si nasconderà sotto il triangolo bianco? 

Quiz di Natale

a) – Una piantina turistica della città?

b) – Un segnale indicante: attenzione transito biciclette sotto il voltino?

c) – Oppure: attenti al contenitore sul marciapiede?

d) – Una preghiera ai soliti ……….  di non sporcare  i muri del Centro Storico?

e) – Il calendario dei tre prossimi incontri di calcio della Spal?

f) – o che altro?

Ecco alcune delle richieste:

– Una  diversa disposizione delle transenne a seconda della classificazione di “partita a rischio e non a rischio”. In quelle  “non a rischio” di sistemare le transenne in maniera di creare ugualmente un  perimetro chiuso,  attorno allo Stadio, la “zona franca” dove gli Steward possono svolgere i loro compiti di filtraggio e controllo di accesso ai tifosi (tornelli), consentendo, nello stesso tempo, di mantenere libero  il passaggio sul marciapiede di Via Cassoli e Corso Piave,  agevolando così l’accesso per  chi vuole entrare nelle abitazioni delle suddette vie.

– Rendere effettivo il blocco stradale solo un’ora prima dell’ inizio delle gare sportive.  L’ attuale blocco di tre ore prima dell’inizio degli incontri ci sembra essere veramente eccessivo.

– Una più sollecita rimozione delle transenne a gara ultimata; a volte sono gli stessi residenti che devono provvedere.

– Il ristorno del pagamento annuale dei passi carrai di tutte le giornate in cui l’attività calcistica ha di fatto impedito la fruizione degli spazi di accesso alle abitazioni e ai garage.

– l’installazione di tabelloni (pannelli) luminosi, a spese delle  Società sportive, recanti l’indicazione delle date e degli orari delle gare sportive . Gli attuali cartelli segnaletici fissi indicano, in maniera quasi incomprensibile, il divieto di sosta per “ manifestazioni”, senza indicarne la data dello svolgimento. Per le partite quali i posticipi di incontri al lunedì per esigenze televisive, incontri di Coppa Italia, amichevoli, ecc…   si sono verificati  episodi dove  ignari cittadini residenti  (e non)  nella zona stadio, che, lasciata l’auto parcheggiata nelle vie adiacenti allo stadio, hanno avuto il veicolo rimosso  dal carro attrezzi.

–  Il  rilascio di appositi pass ai residenti  all’interno della “zona franca”, impossibiliti fisicamente a scendere in strada, a prendere “in consegna”  il visitatore,  da consegnare e quindi permettere a parenti, amici e quanti altri vogliano farli visita, di non dovere sottostare a controlli e perdita di tempo.

Naturalmente nessuna di queste e delle altre richieste qui non riportate, di competenza dell’ Amministrazione risulta, ad oggi, essere stata presa in considerazione, anche se alcune erano sembrate “interessanti” e quindi degne di attenzione, a sentire loro, ma il tutto è finito nell’oblio del nulla.

L’allora Capo di Gabinetto, presente all’incontro, faceva notare che la sicurezza deve essere sempre e comunque  garantita in tutte le partite, anche in quelle che non portano al seguito a Ferrara  tifosi della squadra ospite, perché questi potrebbero presentarsi in qualsiasi momento e compiere dei danneggiamenti. Domani forse nevica,  chiudiamo l’autostrada. La Spal gioca con il Ravenna o il Pizzighettone, con la Reggiana o il Canicattì, poco importa, i divieti sono sempre gli stessi, non si possono prendere in considerazione piani alternativi, a seconda della reale necessità. Duecentocinquanta transenne sistemate sempre nella stessa posizione, da fine agosto a fine maggio, stessi divieti e … silenzio.

Forse la colpa è  di chi, quasi 40 anni fa, come il  sottoscritto, decise di abitare in “zona stadio”,  non prevedendo queste problematiche.