Gi.Bi.

Posts Tagged ‘vandalismo

L’ultima follia: calci alle vetrate

Due episodi ieri in piazza Castellina (con danni) e nella centrale piazza Gobetti

la-nuova-del-24-01-2017

Calci alle vetrate. Per sport, per noia, per rabbia, per semplice idiozia. Un cocktail di motivazioni, nessuna delle quali ovviamente giustificabile, che ha visto protagonisti in contemporanea ieri alcuni giovani e in luoghi diversi della città. In piazza Castellina, alle 18.30, una ragazzo di colore per distrazione non trattiene il suo telefono cellulare mentre è intento a parlare in una conversazione – riferiscono – concitata. Lo smartphone cade a terra e si danneggia in maniera seria. Ebbene con chi prendersela? Il giovane va in escandescenza e non ha niente di meglio per sfogare la propria rabbia che sferrare una serie di calci ad un porta a vetri in prossimità di un negozio di biancheria intima. La porta si rompe, danni per la negoziante da pagare e all’arrivo dei carabinieri del giovane non c’è più traccia. Non rimane ai militari che verbalizzare l’accaduto a conferma che quella è una zona particolarmente calda della città.

Ma a conferma che la stupidità non ha confini, nè quartiere, un episodio simile, sempre attorno alle 18.30, si verifica in piazza Gobetti, a pochi passi dal Listone. Alcuni giovani prendono a calci la vetrata del negozio Cloister che ha l’ingresso principale su corso Porta Reno ma quello secondario su piazza Gobetti. Proprio da quella parte un gruppo di ragazzini ferraresi richiama l’attenzione del proprietario a suon di calci alla vetrata. A differenza di qualche mese fa la porta non si rompe, ma è un ulteriore segnale di maleducazione e teppismo che non va sottovalutato.

Da La Nuova Ferrara:

http://lanuovaferrara.gelocal.it/ferrara/cronaca/2017/01/24/news/l-ultima-follia-calci-alle-vetrate-1.14764607?ref=search

Annunci

Occhi elettronici

Quante volte si sente parlare di installare delle telecamere per debellare vandalismo e comportamenti illeciti.

Occhi elettronici per controllare aree critiche del territorio, per monitorare i movimenti e fornire un supporto al mantenimento dell’ordine pubblico e combattere il degrado cittadino.

I dispositivi sono muniti di una scheda sim che consente la trasmissione dei dati con collegamento remoto al comando della Polizia Municipale. Hanno inoltre la caratteristica di essere mobili, dunque spostabili sul territorio in base alle esigenze di controllo.

Notiamo con vivo stupore che occhi elettronici sono stati già predisposti in alcuni punti  del territorio.

Qui siamo in Porta Reno, davanti alla chiesa di San Paolo. Il terremoto del maggio 2012 aveva danneggiato i pinnacoli in alto, situati sulla facciata del tempio.

pinnacolo-san-paolo

Dopo le scosse godevano di un equilibrio precario quindi è stato deciso, per evitare danni irreparabili e tutelare il camminamento dei passanti il loro “trasferimento” a terra.

Ecco allora l’installazione di occhi elettronici a controllare atti vandalici sul patrimonio artistico pubblico e a controllare a quando la loro riposizione originaria…

Occhi elettronici

Ecco allora una bella cartolina da inviare ad un amico…

Foto pinnacoli

In collaborazione con T. Da – News