Gi.Bi.

Archive for the ‘Quartiere Giardino’ Category

Via Cassoli

……….

Saracinesche abbassate. Attività che chiudono. Un quartiere, il Giardino, alle prese con molti problemi

Uno spiraglio di luce si intravvede sullo sfondo.

Speranza per il futuro?

 

Annunci

“La Siberiana è morta”. I gestori chiudono lo storico chiosco

———————————————

“Il degrado prenderà il sopravvento anche nella parte di mura che con ogni sforzo cercavamo di difendere”

“La Siberiana è morta”. È una lettera che suona da epitaffio quella che Francesco Malacarne e sua moglie Gabriella scrivono a quanti in questi anni sono stati loro vicini per cercare di scongiurare la chiusura dello storico chiosco di viale IV Novembre.

La storia è annosa. Nel 2011 arriva la notizia dell’ipotesi di sfratto. La gelateria si trova in una zona sottoposta a vincoli di pregio come il sottomura. Lo afferma la Soprintendenza. Partono i ricorsi legali. Prima al Tar e poi al Consiglio di Stato, che dà torto ai gestori: la struttura va demolita.

Il Comune ci mette momentaneamente una pezza e l’attività ultratrentennale ottiene la riassegnazione anche per il 2017. Ma è, appunto, solo la quiete prima della tempesta. Perché la commissione consiliare sul regolamento per la concessione di aree pubbliche prevede la ricollocazione per le attività che non rispettato i limiti delle Belle Arti, come il chiosco Al Pinguino, quello sul montagnone, i due rivenditori di frutta e verdura in viale Belvedere e ovviamente La Siberiana.

E ora arriva il documento ufficiale, che per i gestori significa chiusura. “Per rispettare il vincolo paesaggistico delle mura – spiegano Francesco e Gabriella – il Comune ci ha proposto di spostarci nell’area situata in Via Gavioli (angolo Via Ticchioni) limitrofo alle mura stesse”.

Un’area però, secondo i commercianti, “vittima di degrado, prostituzione e droga. Un’area così poco sicura, già proposta ai gestori del chiosco “Il pinguino” (e da quest’ultimi rifiutata), non rappresenta una soluzione realizzabile per noi ormai prossimi alla pensione. In prima battuta il Comune ci aveva proposto verbalmente di trasferirci nell’area limitrofa alla palestra all’aperto di fronte alla Casa del Boia; area commercialmente interessante, bella e sicura”.

E oggi invece “ci viene proposto tutt’altro; sinceramente, amici di facebook, ci pare che i nostri governanti ci prendano in giro proponendoci soluzioni inaccettabili per costringerci alla chiusura. Dove loro falliscono nel mantenere le zone sicure, chiedono a noi cittadini di aprire aree commerciali per bonificare le aree”.

Ecco quindi il triste finale: “Amici, è con nostro immenso rammarico comunicarvi che la Siberiana l’anno prossimo non aprirà. Il Comune ha vinto ed è riuscito a mandarci via. La droga, il degrado e la prostituzione prenderanno definitivamente il sopravvento anche nella parte di viale IV Novembre che noi faticosamente con ogni sforzo cercavamo di tenere pulita e accogliente per noi tutti”.

da: https://www.estense.com/?p=659681

…………………………….

Le leggi sono come le tele di ragno, in cui solo i deboli restano inviluppati, mentre i potenti le spezzano e se ne liberano.
(Anacarsi, citato da Solone)

P.le G. Bruno – Oasi di verde pubblico in riqualificazione

—————————

Darsena City – Operatori ecologici premurosi

——————————–

Viale V. Veneto – Ecologisti notturni fai da te

—————————————

Viale IV Novembre – Bisogno urgente, posizione terra-terra – Getto direzione Sud

—————————————-

Baluardo di S. M. della Fortezza – Bisogno urgente, posizione sopraelevata – Getto direzione Nord

Ecco il Quartiere chiamato Giardino

In attesa di Spal – Fiorentina del 19 Novembre 2017

———————————————————————-

In occasione di partite “importanti” per l’afflusso dei tifosi ospiti, si sprecano articoli riguardanti le limitazioni della vita dei residenti attorno allo Stadio Paolo Mazza.

Soste vietate per lasciare posto al parcheggio riservato esclusivamente alla tifoseria ospite.

Forse, qualcuno che dovrebbe essere preposto per limitare i disagi dei residenti, si sta accorgendo che purtroppo costoro (i residenti) non sanno dove parcheggiare la propria auto non avendo altra possibilità se non in strada, non disponendo di ricovero in cortili interni.

Anche perché non si sta parlando di “qualche ora”, ma di un’intera giornata perché la “tenzone sportiva” deve svolgersi nella sua più assoluta tranquillità.

Notati quindi, nell’ultima partita casalinga, precisamente del 29 Ottobre scorso, cartelli di sosta a favore di questa “causa”.

Un parcheggio nell’anello di Piazza XXIV Maggio, alias Acquedotto solo per i residenti. E così si pensa per ogni partita interna della Spal.

 

Troppa grazia Sant’Antonio! Sta a vedere che i residenti del Quartiere Giardino verranno additati come i soliti previlegiati…

Foto T. Da

 

 

 

In giro per il Quartiere Giardino – Cogli le differenze.

………………………………….

A vedere queste foto verrebbe da dire: C’era una volta il Quartiere Giardino di nome e di fatto…

Foto del 2016

……………………………..

Via Montegrappa – Tranquilla via del quartiere dove l’unico problema era l’odore delle foglie, quando in  autunno, cadevano a terra…

Via Montegrappa oggi. Qualcosa è cambiato?

 

 

Incontri di calcio al Mazza – Via Fiume

………………………….

Posizionamento defender per la sicurezza attorno allo Stadio Mazza

Utilizzare la base in new jersey non è esagerato? La capienza per gli ospiti non può superare i 1500 – 2000 posti e a seconda della partita (la precedente con il Cagliari erano 398 i tifosi al seguito…) non è detto che si raggiunga questa cifra. Quindi chiusure con normali transenne in ferro non sono sufficienti, come si faceva fino allo scorso anno?

Perché peso del muletto più peso della base in new jersey può creare dei problemi ai marciapiede, o no?

 

 

 

Ieri – Verde P.le G. Bruno – Giardini della “Mutua”

Ingresso da Via Cassoli angolo Asilo Nido – Uno spazio di verde pubblico

————————————

Oggi, dalla stessa posizione, la situazione è questa. Defender ovunque

—————————————

Il tutto per creare una barriera, in parte fissa, per delimitare l’area attorno allo stadio per gli incontri casalinghi della Spal.

Altro verde sacrificato.

Saranno anche new jersey mobili, ma per il suo posizionamento si è provveduto a cementare la base di appoggio.

E questi new jersey sono ovunque, si spacca ovunque, nelle vie attorno allo stadio, per effettuare queste chiusure

Altro che Quartiere Giardino…

E questo tentativo di posizionare defender… verdi…  fanno sorridere…